Forense

Impronte digitali: i due West di Leavenworth

Le impronte digitali servono per l'identificazione. Ultimamente sono state messe in dubbio, più dai giornalisti che dagli scienziati forensi, ma nel 1903 servirono a fare chiarezza su due detenuti.

di Redazione - 30 ottobre 2017

impronte digitali will william west

Balistica forense: il caso di John Toms

La balistica forense è entrata di diritto in un'aula di tribunale nel 1784 quando John Toms venne accusato di aver ucciso Edward Culshaw. Si tratta del primo caso documentato di balistica forense.

27 ottobre 2017 - Leggi »

Entomologia forense: il primo caso

L'entomologia forense è stata applicata per la prima volta, in Occidente, quando fu scoperto il cadavere di un bambino durante la ristrutturazione di un immobile nei dintorni di Parigi. Il medico Bergeret d'Arbois stabilì il tempo della morte.

25 ottobre 2017 - Leggi »

Impronte digitali: la prima incarcerazione

Le impronte digitali, messe recentemente in discussione, sono state usate la prima volta per incarcerare un omicida nel 1892 in Argentina grazie all'ufficiale di polizia Juan Vucetich.

23 ottobre 2017 - Leggi »

La sindrome di Munchausen per procura: i cinque casi più celebri

La Sindrome di Munchausen per procura. Ovvero, le madri che uccidono o mettono in grave pericolo i figli per attirare attenzioni e compassione. Analizziamo i cinque casi più famosi, da Beverly Allitt a Lisa Hayden-Johnson.

20 ottobre 2017 - Leggi »

12